Qurami, l’app che elimina la fila


qurami

Mai più in coda grazie a Qurami, l’applicazione che si prende cura del nostro tempo.

Fare la fila in un ufficio pubblico, in un ambulatorio, all’università o in un negozio stando comodamente seduti sul divano di casa propria o al tavolino di un bar? Da oggi è possibile grazie a Qurami, l’innovativa soluzione tecnologica che consente di prendere il numeretto per la fila tramite smartphone, conoscere in tempo reale il numero esatto di persone davanti a sé e il tempo di attesa stimato e ricevere una notifica all’avvicinarsi del proprio turno. Tutto con un’app semplice e gratuita.

Come funziona Qurami?

Una volta aperta l’applicazione sul proprio smartphone e essersi geo-localizzati, si sceglie la struttura nella quale si vuole andare e si verifica in tempo reale il numero di persone in fila. Si sceglie il servizio desiderato e si prende il  “numeretto elettronico”, del tutto equivalente al biglietto cartaceo che si prenderebbe in loco e perfettamente inserito nel flusso degli stessi. Si aspetta il proprio turno con la libertà di dedicarsi a ciò che più si desidera mentre notifiche personalizzate segnaleranno l’avanzamento della fila e il momento in cui recarsi allo sportello. L’uso di Qurami permette di risparmiare tempo, ottimizzare gli impegni e facilitare gli spostamenti urbani. Per questi motivi è riconosciuta come una delle innovazioni più interessanti nel panorama delle soluzioni per le smart cities del futuro.

La storia di Qurami

Qurami nasce nell’estate del 2010 da un’idea del suo attuale CEO, Roberto Macina, allora laureando in ingegneria informatica, ed è stata poi sviluppata insieme ad un team giovane e caratterizzato da competenze eterogenee. Il progetto è stato presentato per la prima volta ufficialmente allo Startup Weekend di Roma nell’ottobre 2010, riscuotendo da subito grande interesse tra il pubblico e, da lì a poco, tra aziende e istituzioni. Ospitata presso
l’incubatore capitolino LUISS EnLabs, la società ha ricevuto un primo finanziamento da un fondo di venture capital e ha stretto collaborazioni con importanti società di automazione, italiane e internazionali, produttrici di dispositivi eliminacode. Nel novembre 2014 Qurami ha chiuso un round complessivo di 590mila euro, che comprende anche 150mila euro erogati da Unicredit. L’operazione ha rappresentato il primo caso italiano di investimento da parte di una banca in una startup.

Visita il sito di Qurami

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: